Presentazione liceo

Una scuola in movimento.
La storia del Liceo Artistico trova le sue origini in quel senso di fiducia incondizionata verso il progresso e la funzionalità, ma al contempo ricerca di coniugare gli ultimi elementi della ricerca tecnologica alla bellezza e ad un gusto estetico equilibrato. Da sempre il senso estetico della vita è collegato all’etica. L’estetica è la sintesi del conoscere, della metafisica, dell’essere. La Scuola d’Arte «Andrea Fantoni» riveste nel panorama della terra bergamasca, laboriosa e pratica, un’unicità riconosciuta per il suo importante ruolo di educazione al gusto del bello. Una scuola d’arte, infatti, non comunica solamente - bellezza ed esteriorità -, ma sviluppa una crescita interna dell’uomo, ricerca e unisce ciò che è bello a ciò che è funzionale.

È una scuola autonoma da un punto di vista economico grazie ai contributi degli enti sovventori e ad altre realtà istituzionali vicine alla scuola, questo status permette al Consiglio Direttivo di mantenere le rette largamente al di sotto di altre in vigore in istituti simili. Anzi la scuola elargisce borse o premi di studio per gli allievi meritevoli e, recentemente, sono state istituite provvidenze economiche dalla Provincia e dalla Regione a sostegno delle rette. Inoltre la scuola investe ogni anno le proprie risorse nel costante aggiornamento delle strutture e dei servizi offerti alla propria utenza. Il Ministero dell’Istruzione sottopone a rigidi controlli la scuola e durante tali verifiche l’istituto è sempre risultato in regola con gli standard stabiliti per Legge.
 
L’edificio dove ha luogo il Liceo Artistico è un ambiente contenuto e non dispersivo, risulta accogliente e proporzionato a un numero non eccessivo di studenti in modo che tutte le attività possano essere svolte con la maggior cura e attenzione da parte del personale docente. Il Liceo Artistico è una scuola paritaria con decreto ministeriale del 28.02.01 ai sensi della L. n. 62 del 10 marzo 2000, rilascia dopo un corso di studi quinquennale, composto da un biennio comune e da un triennio tra due indirizzi, un Diploma di Maturità Artistica.

Nel biennio comune si  acquisiscono le basi delle antiche e nuove tecniche pittoriche su carta, tavola e tela; apprendono a lavorare l’argilla per l’esecuzione di altorilievo, bassorilievo e stiacciato; imparano a riprodurre dal vero composizioni oggettistiche e scorci prospettici di ambienti esterni ed interni e studiano le discipline architettoniche e l’applicazione dei metodi proiettivi. 

Nel triennio arti figurative si prevede l’approfondimento delle tecniche decorative di discipline plastiche, grafiche, pittoriche e laboratoriali per la progettazione e la realizzazione di decorazioni pittoriche per ambienti e strutture pubbliche o private, spesso realizzate in loco dagli allievi stessi. Gli alunni imparano a realizzare bozzetti in scala con relativa ambientazione, a motivare le scelte di tecniche e di materiali, a stendere un preventivo e giustificare i costi, a utilizzare le diverse tecniche pittoriche e plastiche (in particolare affresco, graffito, tecnica dello strappo, incisione, cottura dell’argilla e stampo in gesso), a lavorare l’argilla con elementi a tutto tondo, ad eseguire elastomeri (stampi in gomma), a studiare l’anatomia umana con l’ausilio del modello vivente.

Nel triennio architettura e ambiente si progettano ambienti interni ed esterni, inizialmente con il rilievo del luogo e successivamente, simulando una committenza, la distribuzione dei locali o la progettazione architettonica di arredi. Gli alunni imparano a gestire un progetto di architettura dagli eidotipi, alla realizzazione di diverse soluzioni in pianta e alzato dell’edificio proposto, alla realizzazione tridimensionale mediante prospettive e assonometrie delle soluzioni scelte, con l’approfondimento mediante plastico o modello tridimensionale studiato al CAD.

Per la brochure informativa cliccare qui